SPESE CONDOMINIALI: COME GESTIRLE AL MEGLIO

Condividi su:

Cosa sono le spese condominiali?

Con “spese condominiali” viene identificata la somma dei costi necessari per la gestione, conservazione e cura delle parti comuni di un condominio, ovvero le parti dell’edificio, le aree, i servizi e impianti necessari all’uso comune di tutte le unità abitative (per approfondimenti Art.1117 del Codice Civile).

Le spese condominiali si suddividono in due tipologie specifiche:

  • Spese ordinarie: interventi necessari per gestire gli ordinari servizi all’interno del condominio (es. spese per la pulizia, costi di amministrazione, riparazioni di modesta entità, assicurazione, forniture energetiche, …)
  • Spese straordinarie: interventi di manutenzione straordinaria da sostenere in caso di necessità, normalmente imprevedibili o comunque poco frequenti (es. sostituzione caldaia, rifacimento facciate, impermeabilizzazione tetto, …)

Come vengono calcolate le spese condominiali?

Le spese vengono calcolate partendo dalla sommatoria di tutti i costi ordinari dei servizi e delle attività necessarie per il mantenimento del condominio. Tali conteggi vengono effettuati sulla base degli anni precedenti e prospettati come costo “preventivo” per l’anno di interesse; ecco un esempio:

Siamo nel 2021, i costi delle forniture di energia hanno subito un forte incremento. L’Amministratore, al fine di poter calcolare le spese condominiali ed effettuarne la ripartizione, terrà conto di questa situazione prospettando un dettaglio costi, per il 2022, sicuramente maggiore rispetto al 2021; a questo punto si potranno verificare tre situazioni:

  • Il prezzo dell’energia, considerati gli aumenti, si mantiene costante; in questo caso il condominio dovrà sborsare quanto previsto dell’Amministratore.
  • Il prezzo dell’energia torna a un livello inferiore rispetto agli aumenti verificatisi nel corso del 2021; in questo caso, il condomino verserà una quota (secondo quanto preventivato dall’Amministratore) maggiore rispetto all’effettivo costo. A fine anno, l’avanzo verrà considerato come conguaglio e sottratto dalle spese dell’anno successivo (nel nostro esempio, 2023).
  • Il prezzo dell’energia aumenta ancora, implicando costi maggiori rispetto a quanto preventivato dall’Amministratore; il condomino, purtroppo, si ritroverà a dover integrare le spese già saldate in     quanto i costi preventivati risultano inferiori rispetto all’effettivo conteggio consuntivo. Il saldo può avvenire in due modi: l’Amministratore richiede di integrare i costi (ad esempio, con una ulteriore rata) oppure, se presente e se sufficiente, l’Amministratore attinge al conto condominiale per non chiedere ulteriori esborsi ai condomini.

Specifichiamo che tutti i conteggi vengono redatti dall’Amministratore per poi essere approvati dall’Assemblea.

Come vengono suddivise le spese condominiali?

Le spese vengono ripartite di norma secondo due modalità:

  • Millesimi: suddividendo i costi sulla base delle tabelle millesimali;
  • Consumi: ripartendo la spese, ad esempio, tramite lettura dei contatori.

Una volta suddivise tra le proprietà, le spese vengono a loro volta ripartite tra inquilino, detto anche conduttore, e proprietario, detto locatore.

Quali spese spettano al proprietario?

Il proprietario dovrà pagare tutto ciò che interessa la proprietà e le varie manutenzioni straordinarie. Tra questi troviamo l’assicurazione, l’amministratore, la banca e le spese straordinarie che possono arrivare nel condominio (rifare tetto, ascensore, impianto citofonico, …).

Quali spese spettano all’inquilino?

L’inquilino, invece, dovrà pagare tutto ciò che riguarda i consumi e le manutenzioni ordinarie, quindi tutte le spese che riguardano il consumo e la vita nel condominio (pulizie condominiali, giardiniere, controlli impianti, …). Tutto questo vale se non ci sono accordi prestabiliti sul contratto di locazione. Di norma vengono rispettate le tabelle redatte dalle associazioni di categoria degli inquilini e dei proprietari.

Chi riscuote le spese condominiali? Come si pagano?

Le spese vengono riscosse dall’Amministratore. Il pagamento deve avvenire mediante sistema tracciato (quindi, non in contanti): MAV o Bonifico. WeReady preferisce il sistema MAV in quanto il nostro sistema gestionale consente, al momento del versamento, l’aggiornamento automatico del database ed il condomino potrà consultare, in real-time mediante App per smartphone Arcadia Condominio, lo stato dei versamenti effettuati. Per approfondire visita il sito UniCasaCondominio.

Condividi su:

Dal blog

acquistare casa

4 COSE DA VALUTARE PRIMA D’ACQUISTARE CASA

Acquistare una casa è sicuramente un investimento molto importante per la nostra vita. È una scelta che influenzerà il nostro portafogli, il nostro benessere, ma soprattutto il nostro futuro. Ecco 4 esempi di fattori da considerare prima di acquistare casa.

Leggi Tutto »

Contattaci

Sede legale
Viale Regina Giovanna 26, 20129 Milano (MI) +39 02 83422930

Telefono local point Busto Arsizio (VA)
+39 0331 677499

P.IVA 03430270128
info@weready.it
Sede legale Viale Regina Giovanna 26, 20129 Milano (MI)
+39 02 83422930

Telefono local point Busto Arsizio (VA)
+39 0331 677499

info@weready.it

© Copyright Weready s.r.l. | P. IVA e C.F. 03430270128 | E-mail info@weready.it
Sede legale Viale Regina Giovanna 26 (20129) Milano | Codice REA MI-2619090 | Ufficio +39 0331.677499 | ITCore Group | Privacy Policy e Cookie

© Copyright Weready s.r.l. | P. IVA e C.F. 03430270128 | E-mail info@weready.it
Sede legale Viale Regina Giovanna 26 (20129) Milano | Codice REA MI-2619090 | Ufficio +39 0331.677499 | ITCore Group | Privacy Policy e Cookie

© Copyright Weready s.r.l. | P. IVA e C.F. 03430270128 | E-mail info@weready.it
Sede legale Viale Regina Giovanna 26 (20129) Milano | Codice REA MI-2619090 | Ufficio +39 0331.677499 | ITCore Group | Privacy Policy e Cookie

Amministrare un condominio richiede competenza, trasparenza e capacità di agire rapidamente. Anche nell’urgenza. L’efficienza va di pari passo con l’efficacia solo se si è preparati e strutturati. Le competenze dell’amministratore riflettono la gestione del nostro condominio.

Non ci occupiamo solo di acquisto e vendita di case, ma anche di valorizzazione degli immobili, sia residenziali che commerciali, terreni, case e appartamenti, capannoni, negozi e centri commerciali.
Trattiamo ogni caso con la stessa dedizione e importanza.

Sappiamo che non è sufficiente avere un progetto immobiliare ed affidarlo a un buon costruttore.

Sulla carta è tutto meraviglioso, ma poi bisogna verificarne la fattibilità, evitare di inciampare in vincoli o, peggio, nella burocrazia.

Amministrare un condominio richiede competenza, trasparenza e capacità di agire rapidamente. Anche nell’urgenza. L’efficienza va di pari passo con l’efficacia solo se si è preparati e strutturati. Le competenze dell’amministratore riflettono la gestione del nostro condominio.

Non ci occupiamo solo di acquisto e vendita di case, ma anche di valorizzazione degli immobili, sia residenziali che commerciali, terreni, case e appartamenti, capannoni, negozi e centri commerciali.
Trattiamo ogni caso con la stessa dedizione e importanza.

Sappiamo che non è sufficiente avere un progetto immobiliare ed affidarlo a un buon costruttore.

Sulla carta è tutto meraviglioso, ma poi bisogna verificarne la fattibilità, evitare di inciampare in vincoli o, peggio, nella burocrazia.

Le complessità delle operazioni immobiliari,
un unico interlocutore.

Un nome, tre società